Il Mare

Il territorio comunale

Il territorio comunale, come in generale quello di tutta l’isola di Salina, si distingue per la sua fertilità: tra le colture trainanti vanno certamente ricordati i vigneti di uva malvasia, da cui si ricava il rinomato nettare, unico nel suo genere e D.o.c. dal 1973, e le piante dei capperi e dei cucunci ( il frutto del cappero ), prodotti di alta qualità esportati ed apprezzati ormai in tutto il mondo.

Mare pulito e "certificato"

Altro motore dell’economia locale è il turismo: il territorio comunale offre, infatti, molte attrattive che attirano ogni anno visitatori da ogni parte del mondo. Il fiore all’occhiello è certamente rappresentato dal mare pulito e “certificato”: per due anni consecutivi ( 2007 e 2008 ) a Santa Marina Salina sono state attribuite le ambite 5 vele della Guida Blu di Legambiente pubblicata dal Touring Club Italiano. “Le valutazioni – chiarisce Legambiente - non riguardano solo la qualità delle acque di balneazione ma tengono conto di molte altre variabili, a cominciare dalla qualità delle strutture ricettive, dalla presenza di un centro storico ben conservato, da un'offerta enogastronomica di pregio, dalla vicinanza a luoghi di interesse storico artistico o naturalistico, e così via”. Il perché del premio lo lasciamo al dettato ufficiale della motivazione: “Santa Marina Salina riesce ancora a conservare il fascino di un luogo profondamente segnato da una storia antica. La cittadina conserva infatti importanti testimonianze materiali legate alle attività marinare e a quelle agricole, queste ultime ancora oggi forniscono prodotti di assoluta eccellenza come i capperi ed il vino. Tutto ciò integra piacevolmente la presenza di un mare splendido e di belle spiagge”.